Renato Zero: le ganasce sulla mia auto sono una violenza contro la...

Renato Zero: le ganasce sulla mia auto sono una violenza contro la mia persona

747

renato-zeor

Renato Zero ha affidato alle telecamere di Pomeriggio Cinque il suo commento alla ‘vicenda delle ganasce’ che lo ha visto coinvolto. Lunedì pomeriggio il cantante è stato multato per aver parcheggiato la sua Jeep in una zona del centro storico di Roma a traffico limitato. I vigili, inoltre, hanno applicato le ganasce, scatenando l’ira del re dei sorcini:

Quello che mi rammarica è che essendo romano e avendo dato a questa città gran parte della mia vita e dei miei risultati qualitativi, di una libertà che io credo abbia rappresentato in tutte le sue forme, solo per essermi fermato 5 minuti a raccogliere un po’ di spesa nella mia Roma sono stato clampato!

Zero ha aggiunto:

Questo senso di impotenza che ti dà un clamp. Ti bloccano la ruota e sei praticamente sequestrato. Se tu devi fare altre cose non le puoi fare. Io ho sempre ottemperato ai miei doveri, anche mio malgrado: pagare 1500 euro di tassa perché si risiede in centro credo che sia un’altra violenza ulteriore che si aggiunge a questa di oggi.

Il cantante ha definito il suo “uno sfogo molto legittimo”:

Da romano, da persona che da Roma ha sempre richiesto anche umanità e senso di convivenza. Questa brutalità con la quale vengono trattati i veri romani è qualcosa di veramente indecente.

Ti potrebbe interessare